Livello EcoSost: 0.5/5Livello EcoSost: 0.5/5Livello EcoSost: 0.5/5Livello EcoSost: 0.5/5Livello EcoSost: 0.5/5

Antica Tenuta Giovanna di Armando Aquilani

Acquisti Verdi > Acquisti Verdi
mangiare bio
Segui

Conferma le EcoCompetenze Conferma le EcoCompetenze
8

2
Raccolta differenziata
Skill unconfirmed
1
Iniziative Social
Skill unconfirmed
0
Rispetto dei lavoratori
Skill unconfirmed
0
Fornitori sostenibili
Skill unconfirmed
0
Prodotti biologici
Skill unconfirmed
0
Prodotti locali (Km 0)
Skill unconfirmed
0
Trasporto sostenibile
Skill unconfirmed
0
Tecnologia LED
Skill unconfirmed
0
Macchinari a basso impatto
Skill unconfirmed

Condividi la tua opinione su quest'EcoAzienda

ANTICA TENUTA GIOVANNA L’Antica Tenuta Giovanna è una azienda storica della Maremma laziale ubicata nell’ agro di Montalto di Castro (Vt). Dal 1932 è di proprietà della mia famiglia. Alle origini l’allevamento degli ovini di razza sopravvissana era il business più importante dell’azienda, con una produzione di latte di altissima qualità destinato alla produzione di pecorino romano che veniva esportato fin negli Stati Uniti. Anche la produzione di lana a quei tempi aveva una sua valenza economica tanto è vero che nel Casalino dei Francesi, che è il centro aziendale ed ora anche sede dell’ agriturismo, c’è ancora un locale chiamato magazzino della lana. In esso veniva conservata in enormi sacchi di iuta la lana appena tosata prima di essere venduta. Ora ci è stato ricavato un appartamento dell’agriturismo che ha conservato il nome originale. L’evoluzione dei tempi e i cambiamenti economici hanno portato l’Antica Tenuta Giovanna a introdurre coltivazioni intensive su vasta scala di pesche, pomodori, meloni, cocomeri e mais grazie anche alla ricchezza di acqua irrigue. La decisione di convertire in biologico l’azienda, da tempo maturata in me, si è concretizzata nell’anno 2000 allorche ne ho assunto in prima persona la conduzione dopo anni di proficua collaborazione con mio padre. Da lì è cominciato un percorso teso a cercare indirizzi produttivi nuovi che non portassero alla riproposizione delle stesse produzioni prima in convenzionale ed ora in biologico. Ho così piantato il primo ettaro di lavanda seguito negli anni immediatamente successivi dal farro, dal grano khorasan e dall’issopo. Attualmente gli ettari di lavanda sono tre con una produzione di olio essenziale la cui domanda da parte di laboratori di produzioni cosmetiche e di detergenti per l’igiene della casa è in costante aumento. Una parte della produzione la utilizzo per realizzare la linea di prodotti per la persona con marchio dell’Antica Tenuta Giovanna. La linea è composto da: • Sapone naturale nei formati da gr 100, 50 e 25 • Bagnoschiuma naturale nei formati da ml 250 e 500 • Shampoo nel formato da ml 200 • Balsamo naturale per capelli nel formato da ml 200 • Idrolato nel formato da ml 750, con tappo spray o capsula • Sacchetti di fiori sgranati in lino e in organza • Olio essenziale in flaconcino da ml 10 Subito dopo ho introdotto l’issopo, antichissima pianta officinale dalle molteplici proprietà. Viene commercializzato sotto forma di olio essenziale in flaconcini da ml 10 per utilizzi quale coadiuvante nelle affezioni delle vie respiratorie per le sue qualità antimucolitiche ed espettoranti. Ultima pianta officinale inserita è stato il rosmarino su una superfice di un ettaro. L’olio essenziale che se ne ricava viene commercializzato in flaconi da 10 ml e usato per fare un sapone in miscela con olio di oliva. Le caratteristiche del rosmarino fanno si che l’olio essenziale diffuso nell’ambiente tramite fornelletti sia un valido coadiuvante della concentrazione durante i lavori intellettuali e nello studio. Ottimo anche per maniluvi e pediluvi. Come detto poco sopra quasi in contemporanea alla lavanda ho iniziato a produrre il farro che in Maremma era scomparso da tempo immemorabile dal panorama delle coltivazioni. Essendo una pianta molto rustica e parca nelle sue esigenze nutritive nei fertili terreni della Maremma ha espresso potenzialità produttive notevoli. Per l’orzo non posso dire che sia stata una novità sia per l’azienda che per la zona, essendo uno dei cereali più coltivati, ma nella mia idea di creare una linea di prodotti alimentari biologici non poteva di certo mancare l’orzo pianta fondamentale nell’alimentazione umana. Il grano khorasan è stata una scommessa difficile da vincere ma i cui risultati positivi si stanno vedendo. Difficile perchè per una realtà come la mia è molto difficile contrastare il marketing di grandi multinazionali. Questo grano originario della Mesopotamia da sempre coltivato dai contadini locali è stato oggetto di un’accorta azione di marketing da parte di una società americana che ha registrato un nome di fantasia imponendolo nel mondo e facendo passare in secondo piano il suo vero nome. La caratteristica principale di questo grano è che si è trasmesso ai giorni nostri immutato come la natura lo aveva creato. L’Antica Tenuta Giovanna lo commercializza tal quale in confezioni da mezzo chilo, sottoforma di farina macinata a pietra e trasformato in pasta. Quest’ultima è trafilata al bronzo e sottoposta ad essiccazione lenta. Viene prodotta in tre formati: pennette, fusilli e intrecci. Il miglio è l’ultima arrivata tra le produzioni ma già dal primo raccolto le soddisfazioni non sono mancate sia in termini di qualità del prodotto, di un bellissimo color oro, che di vendite. I legumi sono una storia recente per l’azienda e coltivazione inconsueta per la zona. Nei primi anni della conduzione in biologico nella mia ricerca di colture “nuove” indagavo tra le persone anziane per sapere cosa in passato fosse coltivato negli orti e nei piccoli appezzamenti ed attualmente abbandonato. Fu così che una persona che in gioventù aveva lavorato in azienda ricordava come in una località interna all’Antica Tenuta Giovanna nota con il nome di Poggio del Birbo venissero coltivati per uso familiare i ceci e le lenticchie. Di qui alla coltivazione per la produzione il passo è stato breve. Di quest’anno l’idea di macinare a pietra il cece per ottenerne la farina, nutriente e priva di glutine. Dalla mia idea di creare una linea di alimenti per coloro che amano nutrirsi in modo sano e naturale è nata la linea delle Zuppe del Villano che racchiudono il meglio della produzione biologica dei legumi e dei cereali dell'Antica Tenuta Giovanna. Il nome nasce dalle antiche abitudini alimentari dei contadini o come venivano chiamati dalle nostre parti villani. Tale termine ha preso nel tempo un’ingiusta accezione negativa quale quella di persona dai modi poco raffinati. Ma a tutto ciò rende giustizia il proverbio che dice : “contadino scarpe grosse e cervello fino”. E per come si nutrivano in modo sano e salutare creando miscele di legumi e cereali, traendo da ognuno di essi il meglio dal punto di vista nutrizionale, non si può certo dare torto al proverbio. La linea delle Zuppe del Villano si compone attualmente di quattro tipologie: • Orzo, farro e ceci • Ceci, lenticchie e orzo • Ceci, lenticchie e grano khorasan • Tre cereali (farro, orzo e grano khorasan) + lenticchie In questa attività non sono solo, collabora con me mio figlio per tutta la parte coltivazione e commercializzazione. Mia moglie si occupa dell’agriturismo, il Casalino dei Francesi. Ci si avvale anche dell’opera di personale avventizio per i lavori sulle piante officinali quali la zappatura per togliere le piante infestanti.

Non sono presenti certificazioni