Livello EcoSost: 0.5/5Livello EcoSost: 0.5/5Livello EcoSost: 0.5/5Livello EcoSost: 0.5/5Livello EcoSost: 0.5/5

Kirkuk Kaffé

Mangiare > Ristoranti & Locali Bio
vegetariani vegani
Segui

Conferma le EcoCompetenze Conferma le EcoCompetenze
5

1
Raccolta differenziata
Skill unconfirmed
N
1
Servizi sostenibili
Skill unconfirmed
N
1
Iniziative Social
Skill unconfirmed
N
1
Prodotti biologici
Skill unconfirmed
N
1
Equo-solidale
Skill unconfirmed
N
0
Illuminazione LED
Skill unconfirmed
0
Prodotti locali (Km 0)
Skill unconfirmed
0
Carta Riciclata
Skill unconfirmed

Condividi la tua opinione su quest'EcoAzienda

La cucina rappresenta gli scambi che sono storicamente avvenuti in un'ampia area che va dalla Grecia fino all'Iran, dall'impero di Alessandro Magno a quello bizantino a quello ottomano. Comuni a quest'area sono il doner kebab (carne a strati cotta su uno spiedo verticale), i dolma (involtini di foglie di vite, cavolo e altre verdure ripieni di riso e carne), la moussaka (melanzane e patate a strati cotte al forno con carne e besciamella), le varie creme di melanzane (con yogurt, con sesamo, con besciamella), i kubba (delle specie di arancini di grano ripieni di carne o verdure). Tipico della tradizione curda è l'uso del bulgur servito con un sugo di verdure e carne, il nisk, (zuppa di lenticchie rosse e riso), il parda plaw (pastasfoglia ripiena di riso e verdure o pollo), e tashrib bamia (una zuppa di okra e bocconcini di agnello). Di provenienza araba sono l'hummus bil tahine (crema di ceci e sesamo), i falafel (polpette di ceci e spezie), il makluba (riso alla cannella con verdure, pollo e ceci).

Non sono presenti certificazioni