Bio e falso bio: come riconoscere i prodotti

Il settore preferito per gli acquisti bio è l’ortofrutta, per il quale la certificazione è molto più difficile, visto che gli alimenti non sempre dispongono di una confezione che riporta le informazioni necessarie. In quel caso è importante avere un rapporto diretto di fiducia con il rivenditore, il quale garantisce per il prodotto che vi sta vendendo. Un’ulteriore garanzia sono i gruppi di acquisto, in cui gli utenti possono scambiarsi consigli, impressioni e aiuti riguardo l’acquisto di quei prodotti per non vi sono indicazioni chiare.

Ricordate che per essere definito bio il prodotto deve presentare una quota di ingredienti biologici al di sopra del 95%. Il restante 5% fa riferimento di solito a quegli ingredienti di norma non certificabili, ad esempio il sale. Per ovvi motivi non è ammessa la miscela dello stesso ingrediente di origine biologica e non biologica (ad esempio farina bio e non). Insomma, se le diciture “bio” e “eco” non sono certo una garanzia sufficiente, l’insieme di questi indizi invece lo è.

Iscriviti gratis ad Ecosost e scopri come vivere in modo ecosostenibile!

Company Near You