Lisbona: tutto sulle aree verdi della città

Scendendo a quella stessa stazione metro, è possibile raggiungere anche il Jardim Do Principe Real un giardino senza recinzioni che nonostante stia diventando sempre più commerciale si ostina a non perdere neanche un centesimo del suo fascino, anzi finisce per essere ancor più allettante affacciato com’è sulle palazzine colorate, i palazzi museali e i negozi di antiquariato. Il sapore cosmopolita della città si assapora proprio da lì.

Con pochi minuti di camminata sostenuta si giunge al Jardim Botanico De Lisboa, posizionato accanto al museo di scienza e storia naturale, conserva piante e alberi provenienti da ogni angolo del mondo e nonostante il costo dell’entrata si aggiri attorno al 1,50 euro a fronte degli altri giardini completamente gratuiti, il refrigerio che garantisce nelle giornate di caldo è un buon motivo per sceglierlo.

Piante altrettanto belle ma esotiche sono presenti nel Jardim Botanico Tropica, proprio dietro il monastero di Belem tanto che accoglie il visitatore con la maestosità che solo un viale alberato di palme può avere, l’ingresso è a pagamento anche in questo caso e sempre per pochi euro, ma le specie animali (oche, pavoni, tartarughe e così via) che girovagano indisturbate tra il verde ne varranno la spesa. Ma la metro da queste parti non passa, come non passa nei pressi del Jardim da Tapada das Necessidades, celebre per custodire al suo interno uno dei più antichi giardini di cactus d’Europa.

In ultimo ricordiamo la presenza dei giardini Calouste Gulbenkian, costruiti negli anni ’50, per circondare l’omonima fondazione, dagli architetti Antonio Viana Barreto e Gonçalo Ribeiro Telles, padri dell’architettura paesaggistica. Un area incantevole caratterizzata dalla presenza di giardini sospesi, ruscelli e laghetti, che si raggiunge seguendo la linea blu della metro fino alla fermata Praça de Espanha.

Company Near You