Livello EcoSost: 0.5/5Livello EcoSost: 0.5/5Livello EcoSost: 0.5/5Livello EcoSost: 0.5/5Livello EcoSost: 0.5/5

La Locanda del Postino

Mobilità Sostenibile > Green Hotel
ristoranti & locali bio
Segui

Conferma le EcoCompetenze Conferma le EcoCompetenze
0

0
Raccolta differenziata
Skill unconfirmed
0
Prodotti artigianali
Skill unconfirmed
0
Servizi sostenibili
Skill unconfirmed
0
Iniziative Social
Skill unconfirmed
0
Riduzione dei consumi
Skill unconfirmed
0
Illuminazione LED
Skill unconfirmed
0
Prodotti non inquinanti
Skill unconfirmed
0
Prodotti locali (Km 0)
Skill unconfirmed
0
Carta Riciclata
Skill unconfirmed
0
Trasporto sostenibile
Skill unconfirmed

Condividi la tua opinione su quest'EcoAzienda

Il turismo ecologico nell’oasi naturalistica di Pollara L'idea di realizzare La Locanda del Postino nasce dal nostro profondo amore per l'isola di Salina e le meraviglie che offre. La prima volta che abbiamo soggiornato a Pollara siamo rimasti incantati dalla quiete, l'aria tersa, i magnifici tramonti e le tante specie di animali che vi dimorano. E' come vivere in un isola nell'isola. Pollara è molto diversa da tutte le altre località e conserva il fascino di un passato che ancora ci appartiene. La casa ha una sua lunga storia. Apparteneva alla famiglia del parroco, ospitava una biblioteca molto fornita ed era la casa più grande e centrale del paese. Pur essendo rimasto poco delle antiche vestigia, il nostro tentativo è stato quello di mantenere le caratteristiche fondamentali della struttura, recuperando l'antico palmento e il patio “bagghiu” che circondava la casa, e di minimizzare il più possibile l’eventuale impatto ambientale che la nuova destinazione ad albergo avrebbe potuto avere. Il primo passo è stato utilizzare gli elementi architettonici preesistenti e reinserirli in fase di costruzione, così abbiamo recuperato le mattonelle degli antichi pavimenti e le abbiamo inserite come testata dei letti, nei pavimenti di cotto e per piastrellare la seduta dei bisuoli. Anche tutti gli spezzoni sono stati reinseriti nella pavimentazione esterna consentendoci così di caratterizzare delle normalissime mattonelle di pietra lavica. Per la facciata sono stati utilizzati ossidi minerali di terra naturale, che con l’intervento degli agenti atmosferici, hanno assunto il colore caldo e antichizzato delle costruzioni eoliane di una volta. In fase di progettazione nulla è stato modificato rispetto alla volumetria preesistente così all’arrivo l’impatto visivo è minimo, visto che la struttura di estende su due livelli e dalla strada si vede solo il piano superiore, più piccolo di dimensioni rispetto al piano inferiore. Un altro aspetto che abbiamo curato nei dettagli è quello dell’utilizzo delle acque piovane, nella considerazione della scarsità di risorse idriche di cui soffrono tutte le isole, approntando un sistema di recupero dell’acqua piovana in cisterna con impianto separato per lo scarico dei wc e con possibilità, previo idoneo impianto di potabilizzazione, in caso di mancanza di erogazione dalla rete comunale, di utilizzazione dell’acqua raccolta in cisterna per scopi umani, oltre che per l’irrigazione. A Pollara non esiste una rete fognaria comunale, per cui, a salvaguardia dell’ambiente, abbiamo utilizzato un sistema di depurazione con impianto a raggi uv di sterilizzazione del refluo prima della dispersione nel terreno. Ma non è solo quello dell’acqua il problema di cui soffrono le isole, anche il risparmio energetico costituisce uno dei punti di forza della nostra progettazione, infatti sono state installate in tutta la struttura solo lampadine a basso consumo e anche gli impianti tecnologici sono stati progettati e realizzati in vista di un risparmio sui costi gestione, che di fatto, si traduce poi in un risparmio delle risorse, già di per se scarse, dell’isola. Nella scelta dei materiali abbiamo prediletto prodotti naturali come il legno, per i mobili, trattato con vernice ad acqua; come il coccio, fatto a mano e cotto in forno a legna, per le catitoie di scolo delle acque piovane; come il brecciolino di pietra pomice, proveniente dalle cave di Lipari, per la pavimentazione esterna della zona ristorante. Anche l’utilizzo di carta riciclata per la stampa dei menù o delle lettere informative nelle camere, è un accorgimento da non sottovalutare nella scelta di una gestione ecosostenibile, che, prima di tutto, abbia come scopo la salvaguardia dell’ambiente ed il minor spreco possibile di risorse. Fortunatamente a Pollara, anche se è una piccola frazione del Comune di Malfa, sono stati collocati i cassonetti per la raccolta differenziata dei rifiuti e questo ci ha consentito, nel nostro piccolo, di partecipare ad un progetto più ampio di recupero e risparmio delle risorse disponibili. Ma non è solo l’aspetto progettuale a rendere la nostra struttura un posto ideale per un soggiorno all’insegna della natura. Anche l’accoglienza familiare e lo spirito di collaborazione, che anima noi e i nostri dipendenti, consente all’ospite di non sentirsi “fuori casa” e di ricevere con solerzia tutte le informazioni necessarie per trascorrere una vacanza a Salina ricca di emozioni. Altro aspetto fondamentale è la cura della cucina, tradizionale, tipica e basata su prodotti locali e pesce di giornata, nell’intento di esaltare i sapori mediterranei e garantire la digeribilità dei prodotti. L’olio usato è solo olio biologico così come il vino proveniente da cantine locali e la malvasia, scelta tra i produttori che usano i più antichi sistemi di essiccamento delle uve. Intorno alla struttura sono state impiantate colture autoctone perché anche solo una passeggiata in giardino sia una scoperta. Ai nostri clienti ad esempio mostriamo, direttamente sulla pianta, le varie fasi di crescita e raccolta dei capperi e dei cucunci. Abbiamo piantato tutte le erbe odorose della nostra terra che utilizziamo anche in cucina (rosmarino, alloro, salvia, basilico etc.) Come rimedio per i morsi di zanzara proponiamo di sfregare le mani sulla citronella e spalmarla sulle braccia. Tutte accortezze che fanno la differenza tra il naturale e l’artefatto, tra il sentirsi veramente parte di un luogo o visitarlo semplicemente.

Non sono presenti certificazioni