Ho parlato più volte della bici elettrica, ma non mi sono mai soffermata sui motivi per cui può essere vantaggioso sceglierla. Ne vogliamo vedere alcuni assieme? Prima di tutto posso ricordare che la bici elettrica è un mezzo adatto a tutte le età, un’alternativa per tenersi in forma dedicata anche a chi non è più giovanissimo e non se la sente di faticare in palestra.

Un altro punto a favore di questa scelta è la possibilità di aumentare gradualmente la fatica e di allenarsi in tutta sicurezza, evitando alcuni dei rischi - per esempio le cadute - che contraddistinguono l’utilizzo della bici tradizionale.

La bici elettrica è davvero adatta a tutte le età e viene incontro sia al pendolare che vuole sfrecciare senza preoccupazioni nel traffico, sia al lavoratore sedentario che, dopo una settimana d’impegni e di consegne da rispettare, decide di abbandonare sedia e pc per avventurarsi alla scoperta della natura.

A Milano le bici a pedalata assistita sono arrivate da poco, con un bilancio positivo per questi mesi di utilizzo da parte di molti visitatori di Expo. Come stanno le cose in altre parti d’Italia? A quanto pare non male, dal momento che si può registrare un interessante fervore, come testimonia il rinnovo anche per il 2016 di BikeUP, un evento dedicato alla bici elettrica che va in scena a Lecco dal 20 al 22 maggio 2016.

Forte del successo delle edizioni passate, la manifestazione porterà nel centro della cittadina lombarda non solo gli stand di numerose aziende che producono biciclette a pedalata assistita, ma anche diversi riferimenti di realtà che si occupano di cicloturismo.

E cosa dire della possibilità di noleggiare bici elettriche su iBarter, piattaforma dedicata al baratto di beni e servizi? La realtà monzese ParcoBici ha messo da pochi giorni a disposizione i suoi mezzi sul portale. Gli interessati possono noleggiarli e pagare il tutto con i prodotti o i servizi della loro attività lavorativa.

Se la mobilità sostenibile è sinonimo di cultura e innovazione c’è da dire che questi progetti mostrano che in Italia le idee interessanti non mancano! Voi cosa ne dite?