Cosa c’è di più semplice che uscire e fare due passi? Bastano un paio di scarpe e la voglia di muoversi un po’ per avere benefici su ipertensione, diabete, stress e sovrappeso.

Innanzitutto, camminare riduce il livello di colesterolo “cattivo” (LDL) e aumenta quello “buono” (HDL), contribuendo quindi a portare  il colesterolo in eccesso dai tessuti corporei verso il fegato, dal quale viene poi smaltito.

Altro aspetto importante, non è solo il corpo a beneficiarne, ma anche la mente, che risulterà più libera e distesa dopo una bella camminata. Quest’attività, infatti, aiuta a migliorare l’umore e a ridurre lo stress, bilanciando gli ormoni prodotti dall’organismo durante il giorno.

Clicca qui per cercare un locale Bio nella tua città.

L’obiettivo giornaliero, lanciato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, è di 10.000 passi al giorno (circa 7 km). Utilizzare un contapassi può aiutare i meno esperti a monitorare il raggiungimento di questo traguardo. Può sembrare difficile iniziare se si è abituati a una vita sedentaria, ma chi pratica quest’attività costantemente assicura che, una volta iniziato a camminare, ad esempio partendo da una breve passeggiata dopo pranzo, se ne apprezzeranno i benefici fin da subito e si vorrà camminare sempre di più ogni giorno.

Da non sottovalutare, inoltre, l’aspetto ecologico: camminare non costa niente e non inquina. Per provare, basta rinunciare all’utilizzo dell’auto per piccoli spostamenti: anche l’ambiente ringrazierà.

Leggi anche: articoli sulla Mobilità Sostenibile