Riuso, partecipazione e tanta luce: ecco le caratteristiche dell'arte di Caitlind Brown e Wayne Garrett. Il duo canadese ha dato vita a Incandescent Cloud, un progetto di installazioni luminose in giro per il mondo realizzate con lampadine a incandescenza ormai in disuso perché considerate inquinanti ed inefficienti. I vecchi bulbi sono stati messi al bando in molti Paesi eppure nelle nostre case e in commercio ne esistono ancora milioni di esemplari che aspettano di essere smaltiti. A partire da questa necessità, Caitlind Brown e Wayne Garrett, hanno deciso di utilizzare le lampade esauste o dismesse come materia prima per le loro installazioni. Ogni opera del duo è un progetto pubblico, realizzato in uno slargo o in una piazza di una città e per raccogliere la materia prima, si rivolgono ai cittadini stessi oppure ai musei e alle istituzioni, lanciando una campagna di raccolta in grado di promuovere l'arte e permettere il riutilizzo delle vecchie lampadine. L'opera d'arte, così, diventa un lavoro collettivo che coinvolge l'intera comunità all'insegna del riciclo.


 

Le opere di Brown e Garrett, sono delle vere sculture luminose. Tra le ultime c'è New Moon presentata a Lexington in Kentucky. L'opera è stata realizzata con 5.500 vecchi bulbi e permette di simulare le fasi lunari attraverso la rotazione di una manopola. E proprio l'interazione è una delle caratteristiche del duo canadese, a partire dal primo progetto che ha lanciato Incandescent Cloud nel 2012: una nuvola di bulbi usati. L'opera dal nome Cloud Ceiling è un'installazione temporanea ed è stata presentata a Calgary in Canada durante la notte bianca e negli ultimi tre anni ha girato il mondo con tappe a Parigi, Praga e Gerusalemme. Utilizza oltre 6.000 vecchie lampadine che sono state disposte in modo tale da formare una nuvola sospesa. Attraverso centinaia di piccole catene il pubblico può accendere o spegnere singole lampade a basso consumo poste all'interno della struttura che illuminano i vecchi bulbi esausti dando vita a un effetto molto affascinante. Un piccolo gioco per aiutare il mondo.