L’idea è di tre ragazzi di Senigallia: amanti del surf, dello skate e di tutto ciò che può definirsi creativo e artigianale, hanno dato vita a questo progetto imprenditoriale per realizzare skateboard riciclando il legno dei vecchi pallett (o bancali, appunto... per chi non sapesse che si chiamano anche così).
In poco tempo, Zio Bancale Skateboards è diventato un punto di riferimento per tutti gli amanti di questo sport: sicuramente perché un’iniziativa come questa ha molti aspetti positivi in grado di conquistare la gente.

Prima di tutto la celebrazione della cultura artigiana e creativa: gli skate di Zio Bancale sono interamente lavorati a mano prestando la massima attenzione a ogni minimo dettaglio e, come valore aggiunto, ognuno dei pezzi si porta dietro la bellezza delle imperfezioni e delle tracce della sua vita passata, dai fori dei chiodi alle venature irregolari alle diverse tinte cromatiche.
In secondo luogo, ma non meno importante, una forte sensibilità per le tematiche ambientaliste: oltre a riciclare pezzi di bancali usati e destinati alla discarica, il processo di laminazione necessario durante la lavorazione viene effettuato utilizzando una resina derivata da fonti rinnovabili e quindi eco-compatibile.

Zio bancale è un mix di interesse per le antiche lavorazioni manuali e responsabilità ambientale che ne fa un esempio da prendere come modello!