La mobilità sostenibile per alcuni è una vera e propria festa e la seconda edizione di VeloLove lo dimostra perfettamente. Cosa è VeloLove? Un festival di ciclismo urbano che, dopo l’esordio nel 2014, torna per il mese di maggio e per giugno a far battere i cuori di tantissimi amanti delle due ruote in tutta Italia, da Nord a Sud.
Dopo le tappe romane di sabato 16 e domenica 17 maggio il prossimo appuntamento per gli amanti della mobilità sostenibile e della bicicletta in particolare è il 6 e 7 giugno a Torino.
Nel capoluogo piemontese andrà infatti in scena la seconda edizione di Torino Bike Pride, una parata ciclistica che quest’anno coincide con la quarta edizione di Torino Vertical Bike, una fantastica gara in mountain bike (qui potete approfondire le informazioni).
Quando si parla di ciclisti ubani si inquadrano delle vere e proprie community, che mettono in scena anche azioni molto simili a operazioni di guerrilla marketing. Non a caso il nome del movimento del quale stiamo per parlarvi - nato negli anni Settanta - è Guerrilla Bike Lanes. Di cosa si tratta? Del risultato dell’azione di gruppi di persone che, nottetempo, disegnano piste ciclabili sull’asfalto in vari centri urbani (pochi giorni fa è andata in scena una protesta notturna di questo genere a Cleveland).
Proprio di protesta si tratta, con precise richieste relativamente alla sicurezza dei ciclisti urbani. In alcuni casi i risultati si sono visti: un esempio efficace è dato da Città del Messico, centro urbano che, nonostante rimanga uno dei più trafficati al mondo, è molto migliorato dal punto di vista della ciclabilità.
Quando si parla di mobilità sostenibile ci sono davvero tantissime cose da imparare e altrettante curiosità da scoprire!