Immaginate di passeggiare per strada e di incrociare un ragazzo che legge il giornale tranquillamente rilassato nella vasca da bagno, oppure di assistere in diretta ad una proposta di matrimonio nel salotto di casa o ancora di aiutare un biondissimo bambino a rifare il suo letto.

Non è così “ai confini della realtà” se vi capita di incrociare le location del progetto #SetintheStreet.

Il progetto 
Un’esperienza artistica di Justin Bettman in collaborazione con lo stilista Gözde Eker, per riprodurre scorci di vita reale che se visti nella “giusta” prospettiva si scopre essere semplici set fotografici, realizzati en plein air nelle vie di New York e in California.

La cosa che ci piace particolarmente è che per realizzarli utilizzano soprattutto oggetti e mobilio di scarto, rinvenuto per strada dopo essere stato abbandonato da qualcuno con un bassissimo interesse nell’ecologia.

Riciclo virale
Un’idea che ha subito avuto una diffusione virale pazzesca soprattutto attraverso Instagram: i set, infatti, dopo lo scatto ufficiale, sono stati lasciati in strada a disposizione dei passanti che possono creare il proprio attimo da immortalare e condividerlo con l’hashtag #setinthestreet
Con il risultato che alcuni oggetti sono stati recuperati e portati via dai passanti, altri addirittura aggiunti ad abbellire le location.

L’ennesimo esempio di come si possa stimolare, con ironia ed eleganza artistica, la sensibilità delle persone a tematiche importanti quali la salvaguardia ambientale e l’importanza di andare contro le logiche del consumismo sfrenato che comanda le nostre economie.