Sono tante le persone che, pur essendo sensibili al tema della mobilità sostenibile, non se la sentono di andare in bici in città, più che altro perché pensano che si troppo pericoloso. Oggi voglio dare qualche consiglio in merito, con l’obiettivo di mostrare che il ciclismo urbano non è poi così ostico come sembra!

  • Porta sempre con te il kit delle riparazioni: anche nel traffico urbano la bici può subire dei danni. Il kit di riparazione - in commercio ce ne sono di davvero pratici - è una soluzione perfetta per risolverli in poco tempo.

  • Scegli il bloster a forma di U: in città vengono rubate ogni giorno tantissime biciclette. Purtroppo una catena leggera - per esempio quelle che si aprono inserendo un codice - non è sufficiente (nell'immagine sottostante un esempio da non seguire). La scelta ideale è il bloster, il lucchetto a forma di U che rende molto più difficile il furto del mezzo.

  • Accendi le luci: il fatto di andare in bici in città non rende meno utile l’accensione delle luci, soprattutto nelle ore serali e anche se si viaggia in zone caratterizzate da un’illuminazione pubblica di qualità.

  • Fai rete: il ciclismo urbano può essere davvero divertente! In ogni grande città esistono associazioni che si occupano d’incentivare la mobilità sostenibile e in particolare quella ciclabile. Puoi cercare quella più vicina a te e cominciare a conoscere altri appassionati di bici che hanno scelto di muoversi a impatto zero. Chissà mai che non ci scappi anche qualche uscita in mezzo alla natura durante il week end!