Torna al Parco Centrale del Lago dell’Eur di Roma, il 12 e 13 settembre 2015, la gara più pazza e divertente in fatto di riciclo: la Re Boat Race, giunta alla sua VI edizione, è una regata di imbarcazioni costruite con materiale di recupero che mette in palio il Trofeo EUROMA2 
Alla base del progetto, c’è la volontà di dare consapevolezza alle nuove generazioni e a tutti i partecipanti, dei concetti di tutela dell’ambiente e sviluppo sostenibile con l’obiettivo sostanziale di migliorare la qualità della vita: scegliere l’attuazione di percorsi virtuosi per rendere risorsa e riportare a nuova vita il legno, la plastica, la carta e il cartone. 
Re Boat Race  per questo non si può definire solo una divertente prova sportiva ma anche una sfida di design artistico e soluzioni innovative, di manualità artigianale e soprattutto ecologista.

La gara
Un progetto che si colora di allegria e creatività e che permette a chiunque di mettere in mostra le proprie doti in fatto di riciclo ed sensibilità ambientali. Re Boat Race è la prima e unica regata in Italia d’imbarcazioni costruite con materiale riciclato, possibile grazie ai contributi delle imprese private, della collaborazione di tanti volontari e delle tante richieste di partecipazione che arrivano dalla gente comune.

Come  consueto, la gara è stata anticipata dall’allestimento di due grandi spazi di cantiere, per assemblare le proprie imbarcazioni a impatto zero: uno al Parco degli Scipioni dal 4 al 12 settembre in occasione della XXI edizione de La città in tasca, il secondo presso il Centro Commerciale EUROMA 2 nel contesto della II edizione de Le voci del bosco, Urban Art, Music & Creativity Lab per una cultura della sostenibilità.
I Green Team sono composti da famiglie, aziende, gruppi di amici che si sfidano a colpi di bottiglie, cartoni del latte e altri materiali di riciclo in una gara sportiva assolutamente unica nel suo genere. Requisito principale richiesto la fantasia, affinché la propria barca prima di tutto.... galleggi! Poi sia “colorata e folle, stupisca il pubblico, e vada solo ad energia pulita.


 

Premi in palio
I trofei in palio sono vari: c’è il Premio Cavalluccio Marino, alla recycled boat più veloce ma anche il Premio Tartaruga Marina alla più lenta. Premi assegnati per la tipologia di materiale e le capacità di smaltimento dei rifiuti (Premio Delfino Azzurro, il Premio “La plastica non e’ un rifiuto” e il Premio Pesce Spazzino). L’imbarcazione giudicata più bella verrà incoronata con il Premio Stella Marina, la più originale con quello Pesce Pagliaccio. E sarà premiato anche il Green team con il maggior numero di fan a fare il tifo (Premio Alice)

La Centrale del Latte di Roma, inoltre, come Main sponsor dell’iniziativa omaggerà  i Green Team partecipanti con sacche realizzate con il recupero dei materiali delle grandi affissioni realizzate per la campagna pubblicitaria del latte fresco Gran Sapore: pezzi unici, in serie limitata, prodotti artigianalmente in Italia.

Special guest
Grande novità di quest anno la partecipazione di un team francese direttamente dalla regata gemella Rafiot Cyclé che si è svolta lo scorso giugno in Francia: un gemellaggio importante che attribuisce all’iniziativa l’internazionalità degli eventi sportivi ed eco-sostenibili di rilievo.

Altra partecipazione di rilievo quella dei Green School Team delle Scuole Superiori di Roma e Lazio che hanno preso parte al concorso Contesteco, il concorso attraverso il quale gli studenti hanno potuto ideare, progettare e costruire una recycled boat con materiali di scarto e a impatto zero che parteciperà alla regata del 13 Settembre. 

Ultima novità anche l’iniziativa Tutti sulla stessa barca… anche il Bibliobus per offrire una serie di attività fra narrazione, letture animate e laboratori e scoprire libri sulla navigazione, sull’acqua.