La carenza d’acqua in zone più o meno remote della terra è un male che coinvolge circa 750 milioni di persone e ne uccide 2,6 milioni ogni anno. È alla luce di questi dati che il francese Jean-Paul Augereau ha deciso di dedicarsi completamente alla causa e pensare a una soluzione che si adatti ad ogni ambiente. Ne è nato Safe Water Cube, un apparecchio in grado di rendere potabile, senza aver bisogno di energia, ogni tipo di acqua. Il dispositivo in questione è alto un metro e 20 centimetri ed è capace di depurare mille litri d’acqua all’ora che provenga da fiumi, mari, pozzi o bacini salmastri.

Clicca qui, per conoscere parchi e aree verdi vicino a te.

Augereau spiega come “Il sistema permetta di rendere potabile qualsiasi acqua di superficie, perfino fangosa. Non serve elettricità né, soprattutto, manutenzione, a parte una pulizia effettuata con acqua e aceto. Per azionarle il Safe Water Cube è sufficiente versare o pompare l’acqua nella cisterna, quindi azionare una pompa manuale”. L’acqua, a questo punto è sottoposta a cinque fasi di filtraggio meccanico, e quindi attraverso un dispositivo in ceramica, talmente sottile da non poter essere oltrepassato neanche da virus e batteri.

Leggi anche: A 13 anni inventa un dispositivo per produrre energia con 5 dollari

Per acquistare un dispositivo così performante sono sufficienti 5.500 euro e data la sua convenienza è stato già utilizzato in Benin, Senegal, India e Sri Lanka.

Trovi tantissimi altri consigli utili e semplici per la quotidianità nella nostra guida pratica al risparmio ecosostenibile. Scaricala, è gratis!