Sono molti gli sgrassatori in commercio che promettono risultati eccellenti grazie alla presenza di candeggina tra i propri componenti. Si tratta di uno dei prodotti più utilizzati nelle nostre case, grazie al suo potere disinfettante e sgrassante e alla sua versalità, che ne consente l'utilizzo sia su tessuti che su superfici. Spesso, però, si sottovalutano i pericoli collegati al suo utilizzo. La candeggina, oltre ad essere una sostanza altamente nociva per l'ambiente e la fauna acquatica a causa del rilascio di cloro, è una sostanza molto pericolosa per la salute dei bambini e degli animali domestici.

Come fare quindi per eliminare l'utilizzo della candeggina? Si può innanzitutto optare per l'utilizzo di prodotti ecologici, che garantiscono ottimi risultati pur rispettando l'ambiente e la nostra salute e che sono facilmente acquistabili in negozi ecologici per la casa. Oppure si può scegliere di preparare in casa un sostituto alla normale candeggina in modo molto semplice, il risultato lascerà soddisfatti sia per efficacia che per atossicità, consentendo anche di risparmiare sugli acquisti.

Un primo modo di sostuire l'uso della candeggina in maniera naturale ed economica è costituito da tre sali molto efficaci per il loro potere igienizzante e sgrassante: bicarbonato, percarbonato e soda. 

Il bicarbonato di sodio può essere diluito in acqua e utilizzato con una semplice spugnetta inumidita per disincrostare i piatti, ripulire l'argenteria ossidata, pulire i giocattoli e le superfici usate dai bambini. Questa sostanza può essere lasciata in una ciotolina in frigo o nelle scarpiere per assorbire gli odori; inoltre, cosparsa sui tappeti e lasciata ad agire qualche ora, aiuta a ravvivare i colori quando si passa l'aspirapolvere.

Il percarbonato, che va maneggiato con l'uso dei guanti, può essere utilizzato per sbiancare e smacchiare i tessuti, prestando attenzione ai capi delicati e colorati. Ne basterà aggiungere un cucchiaio in 5 litri d'acqua e lasciare in ammollo i capi macchiati. Allo stesso modo, la soda potrà essere utilizzata al posto della candeggina per rimuovere le macchie di unto particolarmente ostinate dalle superfici.

Tra i prodotti naturali da sostituire all'utilizzo della candeggina troviamo anche l'amido di mais (maizena). Si tratta di un ingrediente molto utilizzato in cucina per la preparazione di ricette dolci e salate, ma dalle incredibilità proprietà anche per le pulizie di casa. Applicatelo sulle macchie d'olio e lasciatelo agire un'intera notte: basterà sfregare con una spazzola per eliminare la macchia con facilità. Oppure unitelo a del latte e applicatelo sulle macchie di inchiostro o tintura per capelli: una volta seccato rimuovetelo con una spazzola e la macchia verrà via, consentendovi di procedere al normale lavaggio.

È inolte possibile realizzare una vera e propria candeggina naturale con aceto e limone. In un contenitore di 4-5 litri (si può usare anche un vecchio contenitore di candeggina ripulito) versate 2 cucchiai di aceto e 5 cucchiai di acqua ossigenata, 10 gocce di olio essenziale di limone, il succo di 2 limoni e aggiungete dell’acqua finché il contenitore non sarà pieno. Si può utilizzare come una qualsiasi candeggina chimica: in lavatrice per i capi bianchi, aggiungendone un bicchiere al lavaggio oppure diluita in acqua come detergente per il bagno e la cucina. Potete utilizzare questa soluzione anche per pretrattare le macchie ostinate, lasciando i capi in ammollo con acqua e un bicchiere di candeggina naturale.

Scarica la nostra guida pratica al risparmio ecosostenibile per avere altri suggerimenti su come gestire in maniera semplice e sostenibile le pulizie di casa. È gratis!