Uno dei consigli più diffusi sul consumo corretto e sostenibile di acqua consiste nel preferire la doccia al bagno, con cui i consumi sono indubbiamente più alti. A seconda della dimensione della vasca, durante un bagno si consumano tra i 70 e i 100 litri d'acqua mentre con la doccia il consumo è di circa 30 litri. Da non sottovalutare è però la frequenza con cui si utilizza la doccia e il tempo che si passa sotto il getto d'acqua. Ovviamente fare un bagno al giorno rientra tra i comportamenti anti-sostenibili da evitare, che hanno ripercussioni negative sui nostri portafogli oltre che sull'ambiente. Ma concedersi un bagno rilassante di tanto in tanto può aiutarci a ritrovare serenità, combattere lo stress lavorativo e al tempo stesso, con qualche semplice accorgimento, non avere un notevole impatto ambientale. Vediamo quindi cinque utili consigli per concederci un bagno rilassante, naturale ed ecosostenibile.

1) È fondamentale innanzitutto assicurarsi che il tappo della vasca sia perfettamente inserito, per evitare inutili perdite e dover aggiungere continuamente acqua. 

2) È bene optare per detergenti e saponi ecologici, sia per la salute dell'ambiente che per la nostra. I prodotti ecobio sono più delicati e rispettano il ph naturale della pelle, garantendo al tempo stesso un'elevata qualità e una gradevole profumazione naturale. Per un effetto ancora più rilassante, si possono aggiungere all'acqua alcune gocce di olio essenziale di lavanda, gelsomino o maggiorana.

Cerca i negozi con i prodotti bio più vicini a te! 

3) Non è necessario riempire la vasca fino al bordo, anche per evitare che l'acqua fuoriesca una volta immersi. Inoltre la temperatura dell'acqua non dovrà superare i 35 gradi, altrimenti sarà troppo aggressiva per la pelle rischiando di seccarla eccessivamente. 

4) Fare il bagno in due è un ottimo modo per risparmiare sul consumo di acqua, ma soprattutto una scelta romantica per ritrovare la serenità di coppia e abbandonare le preoccupazioni. Si può arricchire l'atmosfera con alcune gocce di oli essenziali dalle proprietà afrodisiache, come ad esempio lo ylang ylang, il patchouli o lo zenzero.

5) Una volta terminato il bagno, si potrà riutilizzare l'acqua per una prima pulizia di oggetti che, ad esempio, necessitano di essere lasciati in ammollo. Infine, svuotando la vasca, sarà opportuno approfittare per pulirla da eventuali residui ed evitare così di utilizzare ulteriore acqua per la pulizia successiva.

Per altri consigli semplici su come affrontare la quotidianità in maniera sostenibile, scarica la nostra guida pratica al risparmio ecosostenibile. È gratis!