Il topinambur è una radice ricca di proprietà benefiche, grazie ad un'alta presenza di proteine, potassio, sodio, fosforo, calcio, magnesio e vitamina A, B e H. Pur presentandosi come un tubero, ha un potere calorico inferiore rispetto a quello delle patate, contenendo per l’80% acqua e circa il 16% di inulina (valido sostituto dello zucchero) e risultando quindi particolarmente adatto nei regimi alimentari dietetici e diabetici. È inoltre indicato per i celiaci poichè non contiene glutine. 

Ecco quindi 3 notevoli proprietà benefiche e terapeutiche del topinambur.

1) Una dieta ricca di topinambur aiuta a regolarizzare l’attività intestinale e a rafforzare l’attività immunostimolante, accelerando il metabolismo e agendo efficacemente contro la stitichezza. La presenza di fibre naturali consente la disintossicazione del corpo, in particolare risulta molto efficace nei casi di intossicazione da droghe o alcol. 

2) Il topinambur ha la capacità di ridurre i livelli di zuccheri e di colesterolo cattivo nel sangue, risultando inoltre un ottimo alleato nel trattamento di malattie infettive acute e croniche. Aumenta la resistenza del corpo e le difese immunitarie ed è efficace nei casi di carenza di ferro e nel trattamento di tromboflebiti.

Cerca i mercati bio con prodotti a km0 più vicini a te

3) La presenza di vitamina H aiuta a combattere gli stati di astenia, stanchezza, inappetenza, sonnolenza e dolori muscolari. È inoltre particolarmente consigliato come energetico durante l'allattamento, nell’alimentazione dei convalescenti e in quella dei bambini. 

Il topinambur può essere consumato crudo tagliato a fettine sottili o può essere bollito e stufato, con un tempo di cottura di circa 15 minuti. In commercio si trova anche sotto forma di farina, che può essere utilizzata in aggiunta ad altre farine per rendere i cibi particolarmente adatti per l'alimentazione dei diabetici.

Trovi molti altri consigli per un'alimentazione sana e sostenibile nella nostra guida pratica al risparmio ecosostenibile. È gratis!