Il 56% dei consumatori italiani è disposto a "pagare qualcosa di più per avere imballaggi che aumentino la probabilità di utilizzo del prodotto, riducendone di conseguenza lo spreco". È quanto emerge da un'indagine condotta dall'Osservatorio nazionale Waste Watcher in collaborazione con l'Istituto Italiano Imballaggio nell'ambito della campagna "Spreco zero" lanciata dall'associazione Last Minute Market. 

Secondo lo studio di Waste Watcher, l'85% degli intervistati si dichiara consapevole dell'importanza dell'imballaggio per la conservazione dei prodotti e addirittura il 93% sceglie il packaging in base alle sue funzionalità o alla possibilità di riutilizzo (90%). Inoltre la maggioranza degli italiani preferisce fare la spesa ogni 2/3 giorni (69%), mentre solo il 27% ha l'abitudine di fare una grande spesa settimanale. 

«Studiare meglio le cause e i comportamenti dei consumatori è il primo passo per garantire policies adeguate di prevenzione dello spreco. Per questo la campagna "Spreco Zero" andrà quest’anno alla radice dello spreco domestico, che incide in misura rilevante sul fenomeno fino allo 0,5% del Pil italiano», ha spiegato il fondatore di Last Minute Market Andrea Segrè.