Nel nostro paese sono moltissime le tradizioni legate al Carnevale: dalle feste cittadine celebri in tutto il mondo alle maschere veneziane, dai carri allegorici di cartapesta alle variopinte sfilate lungo le strade. Ma uno degli elementi tradizionali più importanti sono sicuramente i tantissimi dolci che riempiono le nostre tavole in questo periodo dell'anno. Si tratta di prelibatezze che hanno segnato la nostra infanzia e che rievocano antichi sapori.

Spesso però queste bontà sono preparate con latte, burro e uova. Come fare allora se si è scelto una dieta vegana? Niente paura! Di seguito vi proponiamo 3 versioni vegan delle ricette tradizionali dei dolci più diffusi a Carnevale

Tra i dolci più caratteristici di questo periodo ci sono sicuramente le chiacchiere, chiamate in molte zone d'Italia con nomi differenti ma dal gusto unico per tutte. Per preparare delle chiacchiere vegan vi serviranno:

  • 200 gr di farina di tipo 0
  • 50 gr di zucchero di canna
  • 40 gr di fecola di patate
  • 10 gr di lievito per dolci
  • 4 cucchiai di olio evo
  • un pizzico di sale
  • la buccia grattuggiata di un limone bio
  • 1 cucchiaino di estratto naturale di vaniglia
  • 40 ml di latte di riso

Il procedimento è molto semplice: mescolate la farina con zucchero, fecola e lievito e unite l'olio, il sale, la buccia di limone, la vaniglia e il latte di riso, impastate fino ad avere un panetto da far riposare coperto per mezz'ora. Bisognerà quindi stenderlo fino ad ottenere una sfoglia dello spessore di circa 2/3 mm. Con una rotella dentellata, ricavate dei rettangoli di medie dimensioni, su cui dovrete fare una piccola incisione al centro. A questo punto potrete scegliere di friggere le chiacchiere in olio di semi di arachidi finché non saranno dorate da entrambi i lati, o cuocerle in forno già caldo a 180° per una decina di minuti per avere un risultato più leggero. In entrambi i casi, spolverate il risultato con dello zucchero a velo e... rimpinzatevi!

 

Altro dolce molto diffuso nel periodo di Carnevale sono le castagnole. Vediamo gli ingrediente necessari per realizzare la versione vegan:

  • 200 gr di farina
  • 50 gr di zucchero di canna
  • 40 gr di olio evo
  • mezzo vasetto di yougurt bianco di soia
  • 10 gr di lievito per dolci
  • un pizzico di sale
  • la buccia grattuggiata di un limone bio

Anche in questo caso il procedimento sarà molto semplice: unite tutti gli ingredienti e impastate fino ad ottenere un panetto lavorabile, lasciatelo quindi riposare coperto per una mezz'oretta. Trascorso questo tempo, ricavate delle palline dall'impasto della dimensione di un cucchiaino e friggetele in abbondante olio di semi di arachidi bollente. Una volta dorate, togliete dall'olio e lasciate assorbire l'eccesso su della carta assorbente. Quando saranno fredde cospargete di zucchero a velo e... gnam!

 

Ultima ricetta vegan che vi consigliamo è quella dei bomboloni di carnevale. Vi serviranno:

  • 200 gr di farina
  • 50 gr di olio evo
  • 40 gr di zucchero di canna
  • 10 gr di vanillina
  • 4 cucchiai di latte di soia o di riso
  • 5 gr di lievito di birra
  • la buccia grattuggiata di un limone bio
  • un pizzico di sale
  • marmellata a piacere

Vediamo come procedere: fate sciogliere il lievito di birra nel latte lentamente e, nel frattempo, unite la farina con l'olio, il sale, la buccia grattuggiata del limone, la vanillina e lo zucchero, a cui aggiungerete il lievito sciolto in precedenza. Otterrete un panetto da lasciare riposare almeno un paio d'ore, dopodiché bisognerà stenderlo in una sfoglia di un paio di centimetri circa. Da questa, con l'aiuto di una formina o semplicemente una tazza, formate dei dischi che lascerete riposare ancora un'oretta. Prendete quindi un disco, adagiateci sopra un cucchiaio di marmellata e coprite con un altro disco, facendo aderire bene i bordi. E così di seguito per tutti gli altri. Mettete quindi in forno preriscaldato e fate cuocere per una ventina di minuti a 180°. Infine spolverare con dello zucchero a velo e... buon Carnevale con gusto!

 

Scarica la nostra guida pratica al risparmio ecosostenibile. È gratis!