La propoli è una miscela resinosa che le api raccolgono da fonti come germogli di foglie e cortecce di alberi, e che successivamente lavorano, grazie alle loro secrezioni digestive, aggiungendo ingredienti extra (enzimi, cera, polline).

Questa sostanza di color giallo-marrone-rosso, viene prodotta solitamente dalle api tra agosto e ottobre in preparazione dell’inverno, per la protezione dell'alveare. Non solo, viene usata come rivestimento protettivo sulle uova e sulle larve, e nelle celle, ma anche per disinfettare cadaveri di animali, penetrati nell'alveare, che non riescono più ad essere espulsi.

Ma quali sono le sue proprietà benefiche per gli esseri umani?

In primis, la propoli ha un'ottima azione battericida contro diversi tipi di batteri (Helycobacter Pylori, Streptococcus mutans, Streptococcus Aureus, Streptococcus pneumoniae, Streptococcus pyogene, Escherichia Coli, Haemophilus Influenzae, Moraxella Catarrhalis e altri).

Rinforza l’azione degli antibiotici (vale per la penicillina, per la sefralina, per la doxiciclina, ma non per l’ampicillina), e riduce la formazione di resistenza a essi.

Può interessarti anche: eucalipto: un rimedio naturale per i malanni invernali

Inoltre la propoli possiede:

Proprietà fungicide

I preparati a base di propoli sono risultati particolarmente attivi contro infezioni da Candida, saccaromiceti, tricofili, e microspori, in grado di provocare numerose affezioni parassitarie (micosi) sull'uomo e gli animali. Tale azione sarebbe dovuta dalla presenza di acido caffeico, pinocembrina, pinobaucsina e benzii-p-cumarolo.

Proprietà antivirali

La propoli svolge un'azione di inibizione nei confronti di alcuni tipi di herpers, il corona virus e circa 10 tipi di infezioni virali.

Proprietà cicatrizzanti      

Da sempre la propoli è stata impiegata come unguento per effetto cicatrizzante grazie alla notevole capacità di stimolo della rigenerazione dei tessuti in caso di ferite e piaghe.

Proprietà immunostimolanti    

L'impiego della propoli potenzierebbe l'azione dei vaccini (come quelli contro il tifo e paratifo).

Proprietà vasoprotettiva                                    

Sempre grazie aviazione dei flavonoidi che costituiscono il cosiddetto 'fattore P' la propoli svolgerebbe un'azione di prevenzione della permeabilità e fragilità capillare.

Proprietà antiossidanti

La presenza di fenoli consentirebbe l'impiego della propoli anche nella conservazione dei grassi e degli alimenti in genere in sostituzione degli additivi chimici.

Oltre a queste proprietà la propoli assunta per via interna migliorerebbe la secrezione dei succhi gastrici, è diuretica, favorisce l'assimilazione della vitamina C. Attualmente il maggior impiego della propoli rimane comunque quello esterno come disinfettante, cicatrizzante e lenitivo, attraverso soluzioni, unguenti e pomate.

Può interessarti anche: Influenza, rimedi naturali contro il picco in arrivo

Trovi tantissimi altri consigli utili e semplici per la quotidianità nella nostra guida pratica al risparmio ecosostenibile. Scaricala, è gratis!