La carruba è il frutto di un albero sempreverde tipico del sud Italia, in particolare della regione Sicilia. Può arrivare a raggiungere la veneranda età di ben 500 anni, appartiene alla famiglia delle Fabaceae e produce un frutto simile per forma al baccello del fagiolo, anche se le sue dimensioni sono maggiori e il colore è un marrone scuro.

Un tempo le carrube ricoprivano un posizione importante nell’alimentazione sia dell’uomo che degli animali, a differenza di oggi che vaga nel dimenticatoi alimentare, ad esclusione di alcuni casi in cui viene usato come cibo per cavalli.

Clicca qui per conoscere i Negozi e Alimentari Bio più vicini a te!

È un frutto che contiene il 50% di zuccheri, il 41% di fibre alimentari sempre importati per la salute umana, una quantità modesta di proteine, il 4,8%, e pochissimi grassi, solo lo 0,7%. Inoltre, è da notare la presenza di diversi gruppi di vitamine e di numerosi sali minerali, che contribuiscono alla prevenzione contro l’osteoporosi. Privo di glutine, è adatto alle persone che soffrono di celiachia, la polpa fresca ha effetti lassativi, ha proprietà antiossidanti e infine è stato dimostrato che un uso costante diminuisce il tasso di colesterolo nel sangue.

Una curiosità che riguarda la carruba è che nel gusto ricorda quello del cacao, tanto è vero che viene definita un effettivo sostituto del cioccolato, con la differenza di possedere più proprietà nutritive e nessuna sostanza psicoattiva.

Dunque, è sicuramente un antico alimento dalle nobili caratteristiche che oggi potrebbe contribuire a formare un modello di dieta alimentare più ecosostenibile, basato non più sullo sfruttamento delle solite risorse, ma sul ricorso ad altri cibi dalle altrettanti proprietà nutritive.  

Per avere altri consigli per una vita più sana ed ecosostenibile: scarica la nostra guida pratica al risparmio ecosostenibile. È gratis!