Quando il riciclo creativo si trasforma in arte, si compie una doppia azione sostenibile. In primis, dal punto di vista ambientale, si riutilizza un rifiuto; ma ancora più importante quel rifiuto diventa un'opera a disposizione dell'intera società. L'artista americano, Scott Gundersen è una delle persone di questo filone artistico, che riutilizza i tappi di sughero per creare i suoi ritratti eccezionali.

Clicca qui, per vedere le aziende di ecodesign vicino a te.

Scott Gundersen, insegnante per diversi anni in un liceo artistico, comincia a utilizzare questo materiale (già utilizzato in altri ambiti, come nella produzione di calzature, termoisolanti e oggetti di arredo) nel 2007, dopo un viaggio in Africa. Osservando la gente del posto, l'artista si rende conto che utilizzano ogni tipo di materiale e scarti da riciclo per creare vestiti, strumenti ed oggetti d’uso quotidiano, in modo del tutto differente rispetto agli americani.

Leggi anche: Riciclare tappi di sughero e creare delle lettere tridimensionali

Il suo primo ritratto è dedicato alla moglie, Jeanne, realizzato con ben 3842 tappi di sughero. Il secondo, con più di 9000 tappi, invece, raffigura una sua amica, di nome Grace. Per la creazione di un quadro ci vogliono, in media, dalle due alle tre settimane e, sicuramente, una pazienza infinita. Scott Gundersen è considerato il migliore della sua categoria, l'Art with wine corks.

Trovi tantissimi altri consigli utili e semplici per la quotidianità nella nostra guida pratica al risparmio ecosostenibile. Scaricala, è gratis!