Il Bhutan, il paese più ecologico del mondo, ha festeggiato in maniera singolare la recente nascita del suo nuovo principe. Il piccolo stato montano dell'Asia ha piantato 108.000 alberi in onore del primogenito della famiglia reale, figlio del re Jigme Khesar Namgyel Wangchuck e della regina Jetsun Pema.

La costituzione del Bhutan prevede che almeno il 60% delle sue terre rimanga boschivo. Ma la celebrazione dal pollice verde, che ha ha riunito decine di migliaia di cittadini, non è stata solo ispirata all'impegno del paese in direzione della conservazione ecologica.

Clicca qui per scoprire i giardini bio in Italia

 

Nel Buddismo, un albero è il fornitore di tutte le forme di vita, simbolo della longevità, salute, bellezza e anche compassione, secondo gli organizzatori dell'evento.

Il Bhutan, Paese che ha fatto del verde una filosofia di vita, si è impegnato a rimanere neutrale al carbonio e ha introdotto il fil, la felicità interna lorda, al posto del prodotto interno lordo, per calcolare il benessere dei cittadini attraverso nuove variabili, non solo materiali.

Inoltre il piccolo regno ha un obiettivo ben preciso: zero waste per la riduzione dei rifiuti e 100% biologico. 

Nel 2015, il paese ha stabilito un Guinness dei primati piantando quasi 50.000 alberi in una sola ora.  

 

Rendi ogni gesto della tua quotidianità più sostenibile, farai un favore all'ambiente e al tuo portafogli: scarica la nostra guida pratica al risparmio ecosostenibile. È gratis!