L’Italia grazie alla diffusione di oliveti lungo tutta la penisola, è senza dubbio la patria dell’olio d’oliva e dato il largo consumo di questo prodotto nostrano sarebbe buona cosa conoscerne le caratteristiche ed essere in grado di compiere una scelta sana oltre che consapevole al momento dell’acquisto.

Clicca qui per trovare i supermercati e gli alimentari bio più vicini a te!

Nella cucina mediterranea l’olio d’oliva è un elemento fondamentale per cuocere e condire la maggior parte degli alimenti eppure c’è ancora della confusione sull’argomento. Facciamo chiarezza:

 - L' olio migliore e più adatto ad essere impiegato in cucina è quello extravergine o comunemente chiamato Olio EVO. Viene ottenuto tramite mezzi naturali come la spremitura e la centrifugazione delle olive e prima di essere messo in vendita subisce un test che ne valuta profumo e sapore in base ai criteri stabiliti dalla legge. E’ un olio purissimo con un grado di acidità inferiore allo 0.80% su 100 gr di prodotto, contiene acidi grassi monoinsaturi che aumentano il livello di colesterolo buono a discapito di quello cattivo. L’olio vergine di oliva ha invece un grado di acidità pari al 2%. Importante sottolineare che i diversi colori che spesso si notano non sono indicativi di qualità e variano a seconda della tipologia di olive utilizzate.

Leggi anche: Formaggio biologico Vs Formaggio tradizionale

- L’olio d’oliva è costituito solo per un 10 % da olio vergine mentre per il restante 90 % da olio raffinato, ovvero olio che ha subito trattamenti chimici per abbassarne l’acidità che risulta superiore al 2 %

- L’olio lampante è trattato chimicamente poiché ha elevati livelli di acidità e è sgradevole al gusto e all’odore. E’ chiamato in questo modo perché un tempo veniva impiegato come combustibile nelle lampade per l’illuminazione domestica.

Ci sono poi altri tipi di olio, come quello di girasole ideale da aggiungere a crudo sulle insalate e i piatti freddi, mentre è sconsigliato l'utilizzo nella cottura e nella frittura a causa del punto di fumo relativamente basso. L’olio di mais, particolarmente adatto per la preparazione di dolci dato il sapore esotico. L’olio di riso che risulta insapore e quello di soia perfetto per preparare salse come la maionese.

Per avere altri consigli per una vita più sana ed ecosostenibile: scarica la nostra guida pratica al risparmio ecosostenibile. È gratis!