Dal Giappone arriva l’imballaggio di alga rossa, sviluppato dal collettivo AMAM. Questo pur essendo biodegradabile risulta essere resistente, sostenibile e soprattutto avere un basso impatto ambientale.

Clicca qui, per vedere le aziende di ecodesign vicino a te!

E così dopo le bottiglie progettate e realizzate a partire dall’alga ecco che il team di AMAM con la collaborazione del designer inglese Max Lamb e ha creato un prototipo di packing utilizzando lo stesso prodotto e chiamandolo Agar Plasticity . L’impatto sull’ambiente come detto è minimo poiché l’agar è un sottoprodotto derivato della lavorazione delle alghe rosse, o più specificatamente di un polisaccaride già utilizzato abbondantemente in cucina in qualità di gelificante naturale per via dell’elevata quantità di carragenina in esso contenuta.

Leggi anche: La bottiglia biodegradabile e commestibile di alghe rosse

 Con l’aggiunta di acqua e a seguito di un breve periodo di raffreddamento, può essere modellato con facilità e senza perdere nessuna tra le sue caratteristiche. C’è da aggiungere che questo tipo di alga si coltiva con estrema facilità. Insomma, sembra che questo innovativo imballaggio possa avere un ruolo da protagonista nel futuro dell’ecodesign.

Trovi tantissimi altri consigli utili e semplici per la quotidianità nella nostra guida pratica al risparmio ecosostenibile. Scaricala è gratis!