La settimana scorsa abbiamo parlato delle 8 mosse per combattere il caldo senza accedere il condizionatore. Si trattava di piccoli rimedi efficaci, ma riferiti più che altro al giorno. Di notte continuiamo a girarci e rigirarci per il caldo, incapaci di chiudere occhio, alzandoci la mattina più caldi (e sudati) di quando siamo andati a dormire. Cosa fare allora per riuscire a dormire senza accedere il condizionatore? Questi sono gli 8 consigli che abbiamo raccolto per voi:

1. Usare un pigiama leggero. Sfatiamo un mito: dormire senza vestiti non aiuta! Un pigiama o una camicia da notte leggera, al contrario, aiutano ad assorbire il sudore che può rovinare il sonno.

2. Creare la propria aria condizionata fai da te, con due semplici ingredienti: un ventilatore e del ghiaccio. Venti minuti prima di andare a dormire direzionate il ventilatore verso una vaschetta piena di ghiaccio, che sciogliendosi contribuirà a raffreddare l’aria. Ricordate inoltre che l’aria calda sale, l’aria fredda scende. Di conseguenza posizionate il ventilatore sul pavimento, direzionato verso l’altro in modo che l’aria circoli e la vostra zona si mantenga fresca.

3. Usare un nebulizzatore pieno d’acqua per rinfrescarsi nei momenti più difficili. Certo, magari non è la soluzione ideale, visto che comunque prevede lo svegliarsi per nebulizzare, ma di certo è un passo avanti.

4. Chiudere le persiane delle finestre della stanza in cui dormite, in questo modo terrete fuori un po’ del calore esterno.

Clicca qui e cerca tutti i negozi bio più vicini a te!

5. Usare le lenzuola adatte. Devono essere leggere e traspiranti, possibilmente il cotone, ma soprattutto di colori chiari per immagazzinare meno luce, e quindi meno calore.

6. Fare una doccia fresca, ma non fredda, prima di mettersi a letto. La doccia abbassa rapidamente la temperatura corporea e libera la pelle dal sudore del giorno, conciliando il sonno. Nel caso in cui non fosse possibile fare una doccia, lavate solo i piedi con acqua fredda. Il caldo causa un afflusso maggior di sangue agli arti inferiori, per cui lavandoli con acqua fredda prima di andare a dormire vi garantirete un certo sollievo.

7. Preferire, quando possibile, la luce naturale. Non accendete le luci in casa, a meno che non sia proprio indispensabile. Le luci infatti causano un accumulo di calore che disturberà sicuramente il vostro sonno.

8. Di nuovo, come già consigliato nell’articolo diurno, mangiare cibi leggeri! Un’ora prima di andare a dormire bisogna evitare di mangiare e bere tutto ciò che può aumentare la temperatura corporea. Quindi no cibi fritti o molto piccanti, caffè, dolciumi ma soprattutto alcolici. Vanno evitate anche le bevande rinfrescanti artificiali, come i succhi di frutta, perché contengono troppi zuccheri che di certo non aiutano a prendere sonno. Molto bene invece i cibi più leggeri e ricchi di acqua, come i cetrioli, l’anguria o il latte freddo.

Alcuni consigliano anche di mettere il cuscino nel congelatore, o di dormire con un pigiama umido, ma ci sembrano dei metodi più pericolosi per la salute che effettivamente rinfrescanti.

Ci auguriamo di riuscire a garantirvi un po' di riposo durante queste infuocate notti estive. Buonanotte!

Trovi tantissimi altri consigli utili e semplici per la quotidianità nella nostra guida pratica al risparmio ecosostenibile. Scaricala, è gratis!