C’è stato un periodo in cui i sali da bagno spopolavano, poi si sono leggermente fatti da parte, per lasciare spazio a bombe da bagno e creme.

In realtà già nell’antichità molti popoli, tra cui Cinesi, Greci e Romani, utilizzavano i sali per rilassare il corpo e curare le malattie della pelle. Questi benefici si sono tramandati attraverso ricettari e libri di rimedi, arrivando fino a noi.

I sali, nonostante sembrino passati di moda, conservano le loro proprietà antibatteriche, decongestionanti e purificanti, sia nella vasca che nel pediluvio.

Si tratta quindi di un rimedio di bellezza e benessere efficacissimo, che può essere preparato in casa e non può essere dimenticato.

Vediamo quali sono i migliori:

1. Il sale rosa dell’Himalaya

Molto apprezzato per la presenza di ferro anche in cucina. La sua storia risale a oltre 200 milioni di anni fa, epoca della sua formazione. Contiene 84 oligoelementi diversi, e non li perde nei processi di raffinazione. Conserva quindi intatte tutte le sue proprietà. È utilissimo per rimuovere le tossine e la pelle morta.

2. Il sale del Mar Morto

Ben noto per la sua azione benefica sulla pelle. È ricco di magnesio e potassio e agisce contro acne, psoriasi e casi di pelle infiammate, normalizzando il pH cutaneo.

​Clicca qui e cerca tutti gli alimentari bio più vicini a te!

3. I sali di Epsom

Scoperti nel VXII secolo da Henri Wicker, analizzando la sorgente che dà loro il nome nell’omonima cittadina inglese. Sono ricchi di solfato e magnesio quindi ideali per bagni purificanti.

I sali di Epson sono anche degli esfolianti perfetti. Per usarli in questo modo è sufficiente unire una crema neutra con un cucchiaino di sali di Epsom. Mescolate bene e usate il composto per detergere il viso, rimovendo bene con acqua tiepida.

4. Sale marino integrale

È un sale non raffinato, quindi ricco di oligoelementi intatti. Non contiene additivi e si presenta naturalmente umido. Aiuta a attenuare le tensioni muscolari, ad alleviare le irritazioni cutanee e libera lo spirito da ansia e stress. È possibile mescolarlo con qualche goccia di olio essenziale, come quello di lavanda, per avere risultati eccezionali.

In alternativa, se vi piacciono i sali colorati, potete seguire questa ricetta:

  • 4 bicchieri di sale
  • 5 gocce di olio essenziale
  • 6 gocce di colorante alimentare
  • 1 cucchiaio di glicerina liquida (o solida da sciogliere)

Mescolate la glicerina liquida con il sale, serve per aggiungere un po’ di potere emolliente e rendere i sali più lucidi e brillanti. Aggiungete poi le gocce di colorante e mescolate bene, lasciandoli asciugare tutta la notte in un contenitore aperto. Infine aggiungete gli oli essenziali, e trasferite in un contenitore a chiusura ermetica. Lasciate che i sali assorbano gli oli con calma e alla fine potrete conservarli in contenitori decorati e usarli all’occorrenza.

Non vi è venuta voglia di un bel bagno caldo rilassante, arricchito con i vostri nuovi sali?

Trovi tantissimi altri consigli utili e semplici per la quotidianità nella nostra guida pratica al risparmio ecosostenibile. Scaricala, è gratis!