L'asciugatrice sta diventando un elettrodomestico indispensabile, soprattutto per le famiglie numerose e specialmente quando le condizioni climatiche rendono lunga e difficoltosa l'asciugatura dei panni.

Ormai in commercio ne esistono di tutti i tipi e si trovano moltissimi modelli a basso consumo, ecologici ed economici.

L'asciugatrice, grazie al sistema a condensazione, per ogni ciclo raccoglie in una vaschetta parecchia acqua che, solitamente, viene gettata via.

Come tutti sappiamo l'acqua è un bene più che prezioso, quindi perché non provare a riciclare anche quella dell'asciugatrice evitando che vada sprecata?

Vediamo in che modo possiamo riutilizzarla:

1) Potete utilizzare l'acqua di condensa per un successivo lavaggio in lavatrice. Quando andate a caricarla, aggiungete l'acqua direttamente nel cestello, in questo modo nel ciclo di lavaggio la macchina caricherà meno acqua.

2) Se avete dei capi da smacchiare o particolarmente delicati, potete riutilizzare l'acqua dell'aciugatrice per riempire la vaschetta in cui metterete i panni in ammollo.

Clicca qui, per conoscere parchi e aree verdi vicino a te

3) Potete mettere in ammollo anche le stoviglie o le padelle particolarmente sporche o incrostate, evitere di dover utilizzare nuova acqua.

4) Possiamo anche riutilizzare l'acqua adoperandola per riempire il secchio in cui andremo a pulire lo straccio per la pulizia dei pavimenti.

5) Raccogliendola in taniche, possiamo impiegarla al posto dell’acqua di scarico dello sciacquone del wc.

6) Perfetta anche per essere riutilizzata negli appositi cocci per caloriferi, aggiungendo qualche olio essenziale profumerà l'ambiente e terrà a bada l'umidità

7) Potete anche utilizzarla per il ferro da stiro. Attenzione però, perché l'acqua dell'asciugatrice potrebbe contenere tracce di fibre di tessuti quindi prima di utilizzarla filtratela con della carta assorbente.

Trovi tantissimi altri consigli utili e semplici per la quotidianità nella nostra guida pratica al risparmio ecosostenibile. Scaricala, è gratis!