Carnevale è sempre più vicino, come testimonia la miriade di coriandoli a terra, che lì rimarranno fino alle prossime piogge.

Carnevale porta con sé alcuni dei dolci più buoni della tradizione italiana, come le castagnole e le discussissime frappe, galani, chiacchiere, bugie, grostoi, come chiamarli si voglia.

La ricetta originale richiede molto burro e uova, perciò, abbiamo pensato di proporvi la versione vegan, più leggera e salutare

Cosa occorre?

- 3oo gr di farina tipo 0
- 100 ml di latte di soia (o di riso)
- 60 gr di zucchero di canna
- 50 gr di amido di mais o maizena
- 50 ml di olio di mais (o olio EVO)
- 50 ml di grappa
- 8 gr di lievito naturale o cremor tartaro
- Scorza di limone grattuggiata
- Zucchero a velo per la finitura.

Prepararle è facilissimo.

Per prima cosa bisogna amalgamare fra loro gli ingredienti secchi, quindi farina, zucchero, lievito, amido e buccia di limone. A parte mescolate fra loro i liquidi, olio, grappa e metà del latte di soia. Amalgamate i due preparati impastando fino ad ottenere una palla di pasta morbida, e aggiungete pian piano il restante latte di soia finché la consistenza non sarà come quella della pasta frolla anche se leggermente più ruvida a causa dello zucchero di canna.

Clicca qui e cerca tutti gli alimentari bio più vicini a te!

Coprite con la pellicola e lasciate riposare in frigo per circa 30 minuti.

Passato questo tempo dividete l’impasto in due panetti e lavoratene uno per volta, facendo attenzione a mantenere l’altro coperto. Stendete la pasta molto sottile, anche, se possibile, con la macchina per la pasta all'uovo. Con una rotella dentata tagliate le frappe in rettangoli e praticate un taglio al centro per aiutare la cottura.

La nostra versione prevede la cottura in forno, per mantenere gusto e leggerezza, ma potete anche friggerle in abbondante olio di semi.

Infornate a 180°C per 10 minuti, o finché la superficie non vi appare dorata. Lasciate raffreddare e coprite di zucchero a velo.

Una merenda ottima per grandi e piccini in pieno stile carnevalesco!

Trovi tantissimi altri consigli utili e semplici per la quotidianità nella nostra guida pratica al risparmio ecosostenibile. Scaricala, è gratis!